IN SARDEGNA EXPLOIT DI VOLI LOW COST

 

da La Nuova Sardegna MERCOLEDÌ, 22 OTTOBRE 2008

IN SARDEGNA EXPLOIT DI VOLI LOW COST

Operative da marzo 2009 altre 5 destinazioni da Alghero e 14 da Cagliari

Ryanair, 15 nuove rotte per la penisola e l’Europa

Nei due scali sardi verranno costituite due basi di stazionamento. Via alle tariffe a 5 euro

           3 ca rtnair 221008

2 ca rynair 221008CAGLIARI. Ieri in due distinte conferenze stampa, una a Cagliari e l’altra ad Alghero, la compagnia irlandese low cost Ryanair ha annunciato i nuovi collegamenti tra la Sardegna, il continente e alcune città europee. I nuovi voli saranno operativi a partire dal prossimo marzo. L’aeroporto di Alghero verrà collegato con cinque nuove destinazioni, due in Italia (Treviso e Genova) e tre all’estero (Bruxelles, Parigi e Oslo). Sono 14, invece, le nuove destinazioni da Cagliari che Ryanair propone per la primavera 2009 portando così a 19 (10 capitali europee e nove città italiane) le località collegate con l’isola (attualmente da Elmas sono già operativi i collegamenti con Pisa, Bergamo, Forlì, Madrid e Barcellona).
«Sono stato di recente ad Alghero, nessuno nel ristorante dove ero andato a cena parlava italiano»: questo raccontava ieri a Cagliari il direttore sviluppo rotte di Ryanair, Bernard Berger, in conferenza alla Camera di commercio per presentare 14 nuovi voli «point to point» e annunciare la scelta di fare del capoluogo di regione una base della flotta con due aerei nel 2009 e tre nel 2010. «Si ipotizza- ha detto il manager- che il flusso passeggeri fra il 2007 e il 2010 sarà aumentato nell’isola del 40 per cento, il 90 per cento sarà un aumento portato da Ryanair». Un ulteriore contributo per destagionalizzare il turismo: «Gli italiani vanno in vacanza solo d’estate – diceva Berger – nel resto dell’Europa vengono distribuite di più durante l’anno». Ancora un po’ di orgoglio aziendale: «Nel 2008 da e per l’Italia si sono mossi con Ryanair 14 milioni di passeggeri, il doppio di quelli che trasporta Meridiana, quasi il doppio rispetto ad Airone. Nel 2008 a Cagliari abbiamo portato 350 mila persone, con le nuove 14 tratte si pensa di portare nel capoluogo 400 mila passeggeri in più». Le nuove destinazioni da Cagliari, a partire dalla fine di marzo: Verona, Cuneo, Genova, Roma-Ciampino, Treviso, Trieste, Bruxelles (aeroporto Charleroi), Dusseldorf (Weeze), Edimburgo, Karlsruhe Baden, Manchester, Manchester, Marsiglia, Parigi (Beauvais), Siviglia. «Tutto questo – diceva Berger – attirerà gli investimenti da fuori, chiamerà il business. A Bruxelles si pensa a come sviluppare l’economia, noi qui la stiamo facendo». Un dato per misurare le ricadute già adottato nella provincia di Cagliari: un passeggero che vola low cost a 134 euro spende in media per la permanenza 630 euro, se con le 14 linee arriveranno i 400 mila passeggeri previsti, 250 milioni di euro pioveranno sulla Sardegna meridionale. Berger ha celebrato il Ryanair-pride con un elenco dei pregi della compagnia: non applica la soprattassa sul carburante (Alitalia la fa pagare 58 euro), non perde i bagagli (è il vantaggio del point to point), considera la puntualità un obbiettivo aziendale, non cancella i voli. «Le nostre tariffe sono le più basse anche rispetto a chi pratica tariffe basse – diceva il manager – comunque, un biglietto low cost di altri costa in media il 57 per cento in più di Ryanair». Berger ha anche lanciato un appello: le prenotazioni si facciano direttamente sul sito www.ryanair.it e si evitino le società che vendono biglietti Ryanair senza l’approvazione della compagnia. «Aumentano le tariffe – ha spiegato il manager – e poi rallentano le prenotazioni del vettore». Infine: «Il nostro servizio è senza sorprese (negative), entro il 2012 contiamo di raddoppiare traffico e profitti».
 Alghero Treviso, Bruxelles, Parigi, Genova e Oslo. Sono le nuove rotte annunciate, ieri ad Alghero, da Alessia Viviani, direttore marketing per il sud Europa della Ryanair, nel corso di una conferenza svoltasi in una affollatissima nella sala riunioni della Sogeaal. Insieme alle nuove rotte, la compagnia irlandese ha annunciato la realizzazione in Alghero di una base di stazionamento che sarà operativa dal prossimo mese di marzo. Ed è proprio dalla fine del mese di marzo che prenderà il via il nuovo programma di collegamenti con Treviso, due frequenze settimanali, il lunedì e il venerdì; Bruxelles (aeroporto di Charleroi), tre giorni alla settimana, martedì, giovedì e sabato; Oslo (Torp), mercoledì e domenica; Parigi (Beauvais), martedì, giovedì e sabato; Genova, mercoledì e domenica. Ryanair è ora presente ad Alghero con 18 rotte, sei destinazioni interne e le altre internazionali, e un milione e duecentomila passeggeri trasportati all’anno.
 Alla conferenza stampa hanno preso parte l’assessore regionale dei Trasporti, Sandro Broccia, i rappresentanti dei soci istituzionali della società aeroportuale, la presidente della Provincia di Sassari, Alessandra Giudici, i sindaci di Sassari, Gianfranco Ganau e di Alghero Marco Tedde e il presidente della Sfirs, Gianfranco Bottazzi. Presente anche l’intero staff della Spa della Riviera del Corallo, presieduta da Gavino Sini con il direttore generale Umberto Borlotti. La base di stazionamento della Ryanair a Nuraghe Biancu significherà che sullo scalo sosterà durante la notte un Boeing 738 – 800, due equipaggi, personale tecnico e specialistico. Il decollo operativo della base è fissato per il 30 di marzo 2009. Nel corso della presentazione della nuova realtà targata Ryanair da parte della Viviani è stata lanciata la tradizionale offerta delle tariffe promozionali pari a un milione di posti aereo a 5 euro per viaggiare a novembre, dicembre e gennaio. Nel corso dei diversi interventi da segnalare il rilievo portato dal presidente della Sogeaal, Gavino Sini, a proposito delle difficoltà che la società di gestione sta vivendo. Sini ha ribadito che il fenomeno low cost è indubbiamente un percorso di sviluppo e che gli investimenti pubblici debbono essere canalizzati tempestivamente laddove si procede concretamente alla promozione del territorio attraverso l’adozione di nuove rotte. L’assessore Sandro Broccia dopo aver segnalato che quella di ieri era «una gran bella giornata per Alghero e per la Sardegna», ha ricordato che i risultati che si stanno raggiungendo sono il frutto «di un lavoro costante, che la Regione nel corso degli ultimi anni non ha mai interrotto». La conferenza è stata interrotta per il malore di una signora che si è accasciata al suolo. La signora si è ripresa subito anche per l’intervento di Gianfranco Ganau che prima di indossare la fascia di sindaco di Sassari è stato coordinatore del 118 dell’Asl 1.
—————————

IN SARDEGNA EXPLOIT DI VOLI LOW COSTultima modifica: 2008-10-22T12:42:09+02:00da olbias
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “IN SARDEGNA EXPLOIT DI VOLI LOW COST

Lascia un commento